Curarsi acqua Batmanghelidj

CURARSI CON L’ACQUA

L’acqua è un elemento indispensabile per la nostra sopravvivenza, ma purtroppo spesso noi oggi – a differenza del passato che ci ha lasciato molti miti che riguardano proprio la protezione delle sorgenti – lo sottovalutiamo.

Il Dott.Batmanghelidj

Curarsi acqua Batmanghelidj Medico nato nel 1931 in Iran e morto nel 2004 in Virginia, negli Stati Uniti.

E’ stato il primo autore medico a sottolineare che l’acqua è l’energizzante primario di tutte le funzioni del corpo.

A conferma della sua teoria ha portato alla luce molti dati che confermano come l’involontaria disidratazione cronica contribuisca a produrre molte malattie degenerative che possono essere prevenute e trattate aumentando l’assunzione di acqua in maniera regolare.

Il dott. Batmanghelidj scoprì per la prima volta i poteri terapeutici dell’acqua in una prigione di Teheran dove fu recluso durante la rivoluzione del 1979.

“Erano circa le ore 23. Mi svegliai e mi resi conto che un mio compagno di cella soffriva di terribili dolori allo stomaco. Non riusciva nemmeno a camminare da solo. Gli altri lo stavano aiutando a stare in piedi. Egli soffriva di un’ulcera peptica ed aveva bisogno di un medicinale. Rimase malissimo quando gli dissi che non mi era stato permesso di portare con me in prigione scorte di medicinali.

Allora l’evento sorprendente si verificò!

Gli detti due bicchieri d’acqua.

Il dolore scomparve in pochi minuti ed egli poté stare in piedi da solo. Il suo sorriso andava da un orecchio all’altro. Non potete immaginare la gioia che provò per il sollievo, perfino in una situazione del genere.

Che accade se il dolore ritorna?” mi chiese.

Bevi due bicchieri d’acqua ogni 3 ore”, risposi.

Fu libero dal dolore e dalla malattia per il resto della sua detenzione. La “cura dell’acqua” in quell’ambiente così inospitale mi stupì come medico.

(…)

Se l’acqua poteva curare l’attacco di una malattia dolorosa in un ambiente così stressante, certamente ciò richiedeva ulteriore ricerca. Mi resi conto che il mio destino di terapeuta mi aveva condotto in quel “laboratorio di stress umano” per insegnarmi un nuovo approccio alla medicina e per rivelare molti altri segreti nascosti riguardanti il corpo umano. Aprii gli occhi.

Istintivamente mi resi conto del motivo per cui ero finito in prigione.

(…) Scoprii che l’acqua poteva trattare e sanare più malattie di qualunque altra medicina che conoscevo.

(…) Che scoperta umiliante! Ed io che credevo di aver ricevuto la migliore preparazione medica del mondo, a Londra!”

Dopo il suo rilascio, il dott. Batmanghelidj si trasferì negli USA per iniziare ulteriori ricerche circa l’uso dell’acqua come medicina.

Quasi totalmente ignorato dalla Associazione Medica Americana, dopo aver esposto le sue scoperte quasi 20 anni fa, ha reagito scrivendo un libro – “Il tuo corpo implora l’Acqua” – per supportare i suoi numerosi, accurati e meticolosi articoli scientifici

Washington Times

Una delle tante testimonianze celebri che hanno visto coinvolto il libro e la teoria delle proprietà mediche dell’acqua viene anche dal Washington Times che scrive: “Quando il Dott. Batmanghelidj pensa ad un bicchiere d’acqua, non pensa a questo come mezzo pieno o mezzo vuoto. Lui pensa che un bicchiere d’acqua è pieno del fluido essenziale per la vita.
Pensa che sia pieno di un solvente per i nostri mali. Pensa che sia l’onda del futuro.”
 

Video

 

Gli studi del dott. Batmanghelidj sono stati ripresi in Italia dalla dott.ssa Catia Trevisani, medico-chirurgo e fondatrice dalla Scuola SIMO (Scuola Italiana di Medicina Olistica) e da Elisabetta Poggi, diplomata in Naturo-patia nel 1995 presso l’Accademia Nazionale Galileo Galilei di Trento. Successivamente ha conseguito il diploma di istruttrice Zilgrei presso la Zilgrei International Italia e si è specializzata in idroterapia presso la Sebastian Kneipp School in Germania.

Entrambe autrici di un libro – Curarsi con l’acqua – che oltre alle teorie di Batmanghelidj riprende anche il metodo Kneipp e l’idrotermofangoterapia.

 

1 thought on “CURARSI CON L’ACQUA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *